Sarà Giuseppe Busia, burocrate di lungo corso attualmente segretario generale dell’Autorità garante della privacy, il successore di Raffaele Cantone alla guida dell’Anac. Il cdm di venerdì sera ha infatti dato disco verde all’avvio della procedura per la sua nomina, su proposta del ministro per la pubblica amministrazione Fabiana Dadone. Gli altri componenti saranno Laura Valli, Luca Forteleoni, Paolo Giacomazzo e Consuelo del Balzo.

Dallo scorso ottobre l’authority anticorruzione era guidata ad interim dal consigliere anziano Francesco Merloni. Busia, che nel 2018 è stato in predicato di passare a Palazzo Chigi sempre come segretario generale, ha un passato nella Margherita: è stato vicecapo di gabinetto al ministero della Cultura con Francesco Rutelli. Nel 2007 ha fatto parte del Collegio dei garanti per le primarie Pd – atto costituente del nuovo partito – vinte da Walter Veltroni.

Cinque anni più tardi, Antonello Soro lo avrebbe chiamato alla Privacy. Ha rivestito l’incarico di segretario generale anche all’Autorità degli appalti pubblici poi confluita nell’Anac.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto agosto, Gualtieri spiega il Piano per il Mezzogiorno: “Necessario. Senza il sud non riparte l’Italia”

next
Articolo Successivo

Decreto agosto, Franceschini: ”Intervento imponente per turismo e cultura, vale oltre 3 miliardi”

next