La mattina dopo le esplosioni, Beirut si risveglia deserta, con i palazzi sventrati delle deflagrazioni e col numero dei morti che continua a salire: cento nelle prime ore dell’alba. Anche due soldati italiani sono stati leggermente feriti dallo scoppio al porto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virgin Atlantic chiede “protezione dai creditori” negli Usa: istanza di bancarotta al tribunale di New York

next
Articolo Successivo

Il gigante dei cieli in azione: ecco l’Antonov, l’aereo mercantile più grande al mondo (con a bordo camion dell’esercito Usa)

next