Materassi incendiati e lancio di sassi per protestare contro le condizioni di affollamento in cui stanno trascorrendo la quarantena nella ex caserma Cavarzerani di Udine. E soprattutto contro la proroga di altre due settimane della “zona rossa” istituita dal sindaco leghista Pietro Fontanini il 21 luglio. La rivolta degli oltre 400 richiedenti asilo ospiti della struttura, andata in scena lunedì mattina, ha reso necessario far intervenire i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Udine perché dal’esterno si vedevano alte colonne di fumo.

“Pretendo dal Governo che chi si è reso protagonista di questa vicenda perda qualsiasi diritto di fare domanda come richiedente asilo. Se ne devono andare via ora e senza discutere. Per gli altri, è confermata la zona rossa visto che è stato trovato ieri un nuovo positivo”, ha commentato il governatore Massimiliano Fedriga, annunciando che il Viminale “ha assicurato l’invio di rinforzi per supportare le forze dell’ordine che stanno gestendo le proteste e per tutelare tutti i cittadini” .

Le tensioni e i tentativi di fuga sono cominciati giorni fa. Per illuminare l’area intorno alla caserma a fini di controllo è stato installato un gruppo elettrogeno che fa un rumore assordante, esasperando i residenti. La giunta Fontanini è in forte difficoltà e non è un caso se l’assessore alla sicurezza, Alessandro Ciani, ai microfoni dell’emittente locale Udinese Tv ha chiamato in causa il governo: “È colpa del governo che sta sottovalutando la rotta balcanica, si parla solo di Lampedusa”.

“È una situazione molto delicata, si tratta di episodi che si verificano su tutto il territorio nazionale”, ha aggiunto. “Oltre all’emergenza migratoria c’è anche quella sanitaria. Ci confronteremo con questura e prefettura. La cittadinanza non vuole problemi per la salute pubblica. Va tutelato il diritto dei cittadini di non avere nuovi focolai e contagi. Gli udinesi sono stati corretti e hanno fatto grandi sacrifici nei mesi passati. Siamo stati due mesi in casa rinchiusi e non vogliamo altri sacrifici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovi sbarchi a Lampedusa: 200 migranti arrivati sull’isola. In 370 attesi al Cara di Caltanissetta. Pronta prima nave-quarantena

next
Articolo Successivo

Distanziamento sui mezzi pubblici, regioni in ordine sparso. In Lombardia regole diverse tra treni e metro. De Micheli: “Ministero decide solo su alta velocità”

next