Dalla Slovenia torna a farsi sentire Josip Ilicic, il grande assente dell’Atalanta post lockdown. A 32 anni sta cercando di superare un momento difficile, probabilmente dovuto proprio a quello che l’emergenza coronavirus ha significato per lui. Sul suo profilo Instagram ha postato una foto di gruppo della squadra che mostrano la sua maglia con il numero 72. “Grandi”, il commento di Ilicic con tanto di cuoricino.

Nonostante la sconfitta contro l’Inter, i bergamaschi hanno chiuso terzi in campionato, confermando la qualificazione in Champions League. Propria la coppa europea sarà il prossimo impegno dell’Atalanta, che sfiderà il Psg nei quarti di finale. Proprio in Champions, contro il Valencia, l’ultima grande notte di Ilicic che aveva estasiato con 4 gol e tanto altro. Poi Bergamo è diventata l’epicentro della pandemia: le vittime e la quarantena, racconta il Corriere della Sera, hanno riportato alla memoria del calciatore vecchie ferite. Nessuno sa nulla di preciso, si rispetta la privacy di Ilicic: di certo c’è che non è praticamente più sceso in campo dalla ripresa. Solo una scialba apparizione contro la Juventus. Chi lo conosce lascia trapelare qualche riferimento alla sua infanzia, alla fuga dalla Slovenia in guerra. Proprio in Slovenia Ilicic è tornato per provare a riprendersi, per scacciare quelle ombre che il Covid ha fatto tornare: a meno di eventi clamorosi non sarà a disposizione di Gian Piero Gasperini per le Final Eight di Champions League a Lisbona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Serie A, il pagellone di fine campionato – Meravigliosa “Dea”, disastro Cairo, Conte insufficiente. E la Juve ha fatto il compitino

next