Il bonus vacanze pensato dal governo per rilanciare il turismo italiano, colpito dalla pandemia di coronavirus, è già stato ottenuto da più di un milione di famiglie. L’incentivo fino a 500 euro per chi trascorrerà le proprie ferie all’interno delle strutture ricettive italiane è stato introdotto con il decreto Rilancio e dallo scorso primo luglio è possibile fare richiesta attraverso l’app IO. Festeggia il ministro per il Turismo, Dario Franceschini: “Superato il milione di bonus vacanze erogati e continuano ad aumentare le strutture ricettive che aderiscono a questa importante iniziativa che supporta il turismo e la spesa delle famiglie a reddito medio basso”. Franceschini aggiunge che ad oggi “sono oltre 140mila le famiglie che hanno già speso i bonus in circa 10mila strutture, immettendo così nel settore turistico oltre 60 milioni di euro“.

Il bonus vacanze è spendibile fino al 31 dicembre 2020 e possono richiederlo soltanto coloro che hanno un reddito Isee inferiore ai 40mila euro. Nello specifico, l’importo stabilito è di 150 euro per le famiglie con un solo componente, 300 euro per le coppie e 500 per i nuclei composti da almeno tre persone. “I numeri sono in crescita – assicura il ministro – dopo solo un mese dall’entrata in vigore sono più di un milione i bonus vacanze ottenuti, per un valore economico pari a 450 milioni di euro“. La misura era stata criticata dall’opposizione e anche dagli stessi albergatori, a cui si chiede di anticipare i soldi.

Ora però, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate riportati dal Mibact, a livello nazionale sono circa 10mila le strutture dove è già stato possibile spendere i bonus e, in questo primo mese, ciascuna di esse ha ospitato mediamente 11 nuclei familiari. A livello territoriale, il podio per numero di strutture aderenti vede in testa l’Emilia-Romagna (13% del totale), a seguire il Trentino-Alto Adige (9%) e la Toscana (7%). I dati evidenziano inoltre che le famiglie stanno decidendo dove trascorrere le vacanze anche in funzione della presenza sui territori di alberghi, campeggi e bed&breakfast che aderiscono all’iniziativa. Le prime tre regioni in cui si sono concentrate le spese sono l’Emilia Romagna, la Puglia e la Toscana dove, nell’insieme, è stato utilizzato più di un terzo dei bonus erogati. In particolare, in Emilia-Romagna è stato speso il 16% dei bonus per un valore di più di 9,5 milioni di euro, in Puglia il 10% per un valore di oltre 6 milioni di euro, in Toscana circa il 7% per un valore di più di 4 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turismo, Enit: “Italia quasi sold out a ferragosto”. Venduto il 79% delle offerte online. Ecco le mete più ambite

next
Articolo Successivo

Pubblicità, nel 2019 storico sorpasso del web sulla tv ma i big si prendono quasi tutto

next