Il nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Udine ha ritrovato, durante un’indagine, il reperto archeologico che raffigura la ‘Dea Madre‘, un manufatto di terracotta di 7mila anni fa appartenente alla civiltà mesopotamica ‘Halaf’. La cerimonia di restituzione da parte del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, all’ambasciatrice dell’Iraq in Italia, Safia Taleb Al-Souhail. Durante la foto di rito la statuetta ha rischiato di cadere mentre l’ambasciatrice la sollevava per mostrarla ai giornalisti, ma il ministro Franceschini l’ha presa al volo salvandola così una seconda volta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fondazione Gimbe: “Meno ricoveri per Covid. Il 57% dei positivi in Lombardia, dove calano i contagi”

next
Articolo Successivo

Ayrton Senna, rubata una collezione di cimeli: in manette i due presunti ladri

next