Il nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Udine ha ritrovato, durante un’indagine, il reperto archeologico che raffigura la ‘Dea Madre‘, un manufatto di terracotta di 7mila anni fa appartenente alla civiltà mesopotamica ‘Halaf’. La cerimonia di restituzione da parte del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, all’ambasciatrice dell’Iraq in Italia, Safia Taleb Al-Souhail. Durante la foto di rito la statuetta ha rischiato di cadere mentre l’ambasciatrice la sollevava per mostrarla ai giornalisti, ma il ministro Franceschini l’ha presa al volo salvandola così una seconda volta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fondazione Gimbe: “Meno ricoveri per Covid. Il 57% dei positivi in Lombardia, dove calano i contagi”

next
Articolo Successivo

Ayrton Senna, rubata una collezione di cimeli: in manette i due presunti ladri

next