Il nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Udine ha ritrovato, durante un’indagine, il reperto archeologico che raffigura la ‘Dea Madre‘, un manufatto di terracotta di 7mila anni fa appartenente alla civiltà mesopotamica ‘Halaf’. La cerimonia di restituzione da parte del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, all’ambasciatrice dell’Iraq in Italia, Safia Taleb Al-Souhail. Durante la foto di rito la statuetta ha rischiato di cadere mentre l’ambasciatrice la sollevava per mostrarla ai giornalisti, ma il ministro Franceschini l’ha presa al volo salvandola così una seconda volta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fondazione Gimbe: “Meno ricoveri per Covid. Il 57% dei positivi in Lombardia, dove calano i contagi”

next
Articolo Successivo

Ayrton Senna, rubata una collezione di cimeli: in manette i due presunti ladri

next