I vertici del Policlinico San Matteo di Pavia e della società Diasorin sono indagati dalla Procura della Repubblica di Pavia nell’ambito dell’inchiesta sull’accordo tra l’ospedale e la società piemontese per l’effettuazione dei test sierologici anti-Covid. A darne notizia è stata poco fa la stessa Procura con un comunicato stampa. Le ipotesi di reato sono turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e peculato. Fra gli indagati compaiono il presidente della Fondazione Ircss San Matteo Alessandro Venturi, il direttore generale e il direttore scientifico, oltre al Responsabile del laboratorio di virologia molecolare Fausto Baldanti e all’ad di Diasorin Carlo Rosa. All’alba sono scattate anche le perquisizioni da parte del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Pavia. I militari stanno sequestrando documentazione e apparati informatici presso gli uffici e i laboratori dei due istituti, mentre sono già iniziate davanti ai pm le audizioni dei ricercatori coinvolti nel progetto.

Al centro delle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Mario Venditti e dal pm Paolo Mazza, c’è l’affidamento diretto alla Diasorin per la sperimentazione dei test di massa iniziata a fine aprile in Lombardia. L’ipotesi è che “tutti i risultati delle attività di ricerca e sperimentazione effettuate dalla Fondazione Irccs San Matteo di Pavia” siano stati “trasferiti” all’azienda piemontese, fanno sapere dalla Procura, “favorendola” a discapito di altre potenziali concorrenti nel settore dei test sierologici per la diagnosi di infezione da Covid-19. L’annuncio del test innovativo aveva pure fatto schizzare alle stelle il titolo Diasorin in borsa. Tutto è partito dalla denuncia presentata da una società concorrente che si è opposta all’accordo stipulato tra i due istituti senza gara. Ulteriori accertamenti sono in corso per chiarire i rapporti economico-commerciali esistenti tra l’azienda di biotecnologie, Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita e la società Servire Srl, tutte operanti presso l’Insubrias Biopark di Gerenzano, in provincia di Varese.

La vicenda aveva creato polemiche anche per il ruolo del professor Fausto Baldanti, a capo del team del Policlinico che ha realizzato il progetto insieme a Diasorin e attualmente iscritto nel registro degli indagati. Come rivelato da Il Fatto Quotidiano, Baldanti sarebbe stato esposto a un potenziale conflitto d’interesse: il professore faceva parte del gruppo di lavoro del Comitato tecnico scientifico del Consiglio superiore della Sanità e di un organismo di lavoro messo in piedi dalla Regione Lombardia, incaricati di studiare la qualità dei test di tutte le aziende. Nonostante questo, l’accordo con Diasorin prevedeva royalties dell’1 per cento sulle future vendite dei kit da destinare al Policlinico. Un particolare che, stando alle inchieste giornalistiche, non era stato reso noto dal docente.

Dopo l’inchiesta del Fatto, il professor Baldanti ha rivendicato la correttezza del proprio operato ma ha preferito dimettersi dai gruppi di lavoro. I legali di TechnoGenetics, la società concorrente alla Diasorin che ha presentato un ricorso al Tar, hanno definito l’accordo “un del tutto inedito partenariato pubblico-privato” accusato di aver messo le conoscenze e il know-how di un’amministrazione pubblica scientifico-ospedaliera a servizio degli interessi di un soggetto privato, la spa piemontese. Che grazie a questo – è la loro tesi – otterrà il brevetto e la possibilità di commercializzare i kit. Secondo gli avvocati di TechnoGenetics, Francesco Abiosi e Ludovico Bruno, l’azienda pubblica, per mettersi al servizio di un privato, avrebbe dovuto individuarlo attraverso un bando. Per il Tar deve essere così, mentre il Consiglio di Stato pochi giorni fa ha ribaltato la decisione trasmettendo gli atti alla Corte dei conti. Una diatriba amministrativa che, apprende l’Ansa da ambienti della procura di Pavia, è avvenuta dopo l’inizio delle indagini da parte dei magistrati.

“Io ribadisco la correttezza dell’operato del Policlinico San Matteo, come chiarito anche dal Consiglio di Stato, e ho piena fiducia nella magistratura inquirente”, ha dichiarato all’Adnkronos il presidente dell’Irccs Venturi, anche lui indagato. Quello che c’è dietro l’accordo Diasorin-San Matteo sui test sierologici “è una cosa di una banalità estrema”, aggiunge. Un’azienda che ha inventato il suo dispositivo viene a validarlo nel nostro Irccs. Ma il dispositivo è di quell’azienda, non posso metterlo a gara. Siamo noi che siamo stati contattati dall’azienda. Diasorin ha scelto il San Matteo, non abbiamo scelto noi Diasorin”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, violenze in carcere: chiusa l’inchiesta. Tra i 25 indagati anche il direttore e il capo delle guardie. “Hanno coperto gli episodi”

next
Articolo Successivo

Roma, confiscato il Salaria Sport Village di Diego Anemone: da luogo simbolo della cricca a futura casa della nazionali di calcio

next