Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo di provare un notebook della famiglia Satellite Pro L50-G di Dynabook, pensata per offrire alle aziende dei prodotti con una buon rapporto fra prestazioni qualità e prezzo, in una configurazione dotata di display da 15,6″ FullHD TFT, CPU Intel i5-10210U, 8GB di RAM, 256GB di memoria SSD e Windows 10 PRO.

Dal punto di vista del design il Satellite pro L50-G è abbastanza standard, puntando ad un’utenza professionale si presenta con linee semplici ed una trama striata sia nella copertura posteriore del display che nel pannello interno che circonda tastiera; abbastanza contenute le cornici che circondano il display sui lati e nella parte superiore. Le dimensioni non differiscono da prodotti della stessa fascia, vedendo uno spessore di poco meno di 2cm ed un peso di circa 1,7Kg offrire una buona portabilità anche in uno zaino compatto (36cm x 24cm l’area occupata).

Nella nostra prova abbiamo trovato tra i punti di forza del notebook di Dynabook il suo display da 15.6″, in grado di offrire una buona luminosità ed una buona resa cromatica, passando al versante prestazionale i risultati sono stati pressochè simili a quelli che ci aspettavamo vista la scheda tecnica proposta: il 10210U è uno dei processori “entry-level” nella gamma Intel Core i5 di decima generazione, dotato di 4 core con supporto all’Hyper Threading (ogni core può gestire due “thread” di elaborazione in contemporanea) ed una frequenza di base di 1,6GHz che sale fino a 4,2GHz in modalità Turbo, e si è dimostrato perfettamente in grado di assolvere ai compiti richiesti dai principali software di produttività (come Word ed Excel) senza particolari problemi, così come risulta generalmente fluida sia la navigazione su web che la visione di video; ovviamente non siamo di fronte ad una macchina da gaming, e l’assenza di una scheda video dedicata dovrebbe già essere un indicatore di ciò, ma si riesce comunque ad eseguire qualche titolo che richiede meno sul versante prestazionale, nel nostro caso abbiamo provato alcuni scenari su Age of Empires II: Definitive Edtion -senza attivare il pacchetto grafico avanzato- e siamo riusciti ad avere una buona giocabilità.

Interessante la scelta di Dynabook di rendere disponibile su questo notebook una tastiera completa di tastierino numerico (un indubbio vantaggio in alcuni ambienti aziendali), anche se alcuni tasti vengono un po sacrificati -le frecce su e giu sono dei mezzi tasti- o posizionati in modo meno standard, come nel caso del pulsante “< >” posizionato nella stessa riga della barra spaziatrice. Utilizzandola per navigazione e redazione di testi la tastiera offre un buon feedback, così come il touchpad che offre buoni tempi di risposta anche nelle combinazioni a più dita. La batteria a bordo del Satellite Pro L50-G che abbiamo utilizzato è stata in genere in grado di offrire in un utilizzo “standard” tra le 8 e le 9 ore, non differendo molto rispetto a quanto promesso dal produttore.

Buona la dotazione di porte, vedendo tre USB-A 3.0 (quelle standard), una USB-C, un’HDMI ed una Ethernet, oltre ad un lettore per schede di memoria. Un qualcosa di più, per gli amanti della privacy, lo sportellino scorrevole per coprire la webcam.

Nel complesso il Dynabook Satellite Pro L50-G 11H che abbiamo provato non ci ha deluso, presentandosi come un buon prodotto per chi è alla ricerca di un notebook business per compiti da ufficio che coniughi una buona qualità costruttiva ed un prezzo ragionevole (attualmente il modello da noi provato si trova con prezzi nei dintorni degli 800€) anche se va detto che, a seconda del tipo di lavoro che si svolge, i soli 256GB di memoria potrebbero dimostrarsi un limite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prosit, un’app per valutare la propria salute mentale

next
Articolo Successivo

Nokia 5.3, smartphone di fascia media in offerta su Amazon a meno di 200 euro

next