Un operaio di 54 anni è rimasto schiacciato da un peso mentre era impegnato in alcune lavorazioni per la ristrutturazione industriale dell’area Tirreno Power di Savona. L’uomo, insieme a colleghi che hanno poi lanciato l’allarme, stava effettuando la manutenzione a uno dei sistemi refrigeranti che non era in funzione, quando è stato colpito al torace. L’urto è stato violento e fatale. Sul posto, vigili del fuoco, carabinieri e gli ispettori del Lavoro.

La dinamica dell’incidente, si legge nella nota di Tirreno Power “non è ancora nota. Nuova Eis – specifica Tirreno Power -, l’azienda di cui faceva parte l’operaio deceduto, fa parte di un raggruppamento di imprese guidato dalla Simic, società che da molti anni ha in appalto la manutenzione di diversi impianti. Il lavoratore insieme a colleghi del raggruppamento stava svolgendo la manutenzione a uno dei sistemi refrigeranti che non era in funzione. Tutta l’azienda – conclude la nota – e i lavoratori si stringono intorno alla famiglia colpita dalla tragedia”. Una giornata tragica per il mondo del lavoro. In mattinata due operai sono morti in un cantiere a Roma, precipitando da un’altezza di 20 metri. Prima di oggi e da inizio anno erano 293 le vittime per infortunio sul lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, irregolare più di un’ impresa ogni sei. Quasi 50 mila i contagiati sul lavoro secondo i dati Inail

next
Articolo Successivo

Roma, guerra tra cooperative per il servizio scolastico: nasce la Newco al posto della Multiservizi. 2400 lavoratori in sospeso

next