“Riteniamo necessario coinvolgere costantemente al più alto livello le autorità del Cairo” sul caso Regeni e in tal senso “è fuorviante credere che avere un nostro ambasciatore al Cairo significhi non perseguire la verità e viceversa è fuorviante pensare che ritirarlo sia necessario per raggiungere la verità”. A parlare, davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni, è il ministro dell’Interno, Luigi Di Maio. “Tutto il governo – aggiunge – comprende il dolore della famiglia Regeni” ma la presenza dell’ambasciatore “rientra nella strategia” dell’esecutivo anche “per chi come Patrick Zaky c’è ancora”. “L’obiettivo non può prescindere da un confronto continuo con l’Egitto, paese con il quale abbiamo interessi a mantenere rapporti in un quadro più generale per dossier come la Libia”. In ogni caso, sottolinea ancora il ministro, “le relazioni con l’Egitto risentono fortemente” del caso Regeni, e le relazioni “non sono paragonabili con quelle del passato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Regeni, Di Maio: “Ogni critica dei genitori di Giulio è legittima e comprensibile. È una spinta per tutti a continuare nella ricerca della verità”

next
Articolo Successivo

Stato di emergenza, Boccia: “Dibattito surreale, non si limitano libertà personali. Altri interventi pubblici? Non li escludo”

next