“Riteniamo necessario coinvolgere costantemente al più alto livello le autorità del Cairo” sul caso Regeni e in tal senso “è fuorviante credere che avere un nostro ambasciatore al Cairo significhi non perseguire la verità e viceversa è fuorviante pensare che ritirarlo sia necessario per raggiungere la verità”. A parlare, davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni, è il ministro dell’Interno, Luigi Di Maio. “Tutto il governo – aggiunge – comprende il dolore della famiglia Regeni” ma la presenza dell’ambasciatore “rientra nella strategia” dell’esecutivo anche “per chi come Patrick Zaky c’è ancora”. “L’obiettivo non può prescindere da un confronto continuo con l’Egitto, paese con il quale abbiamo interessi a mantenere rapporti in un quadro più generale per dossier come la Libia”. In ogni caso, sottolinea ancora il ministro, “le relazioni con l’Egitto risentono fortemente” del caso Regeni, e le relazioni “non sono paragonabili con quelle del passato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, Di Maio: “Ogni critica dei genitori di Giulio è legittima e comprensibile. È una spinta per tutti a continuare nella ricerca della verità”

next
Articolo Successivo

Stato di emergenza, Boccia: “Dibattito surreale, non si limitano libertà personali. Altri interventi pubblici? Non li escludo”

next