“Il nuovo stadio di San Siro è soltanto un cavallo di troia per un progetto immobiliare”. Protesta del Coordinamento San Siro, che ieri pomeriggio, martedì 14 luglio, ha manifestato davanti al Comune di Milano contro il progetto del nuovo stadio. “Lo stadio rappresenta solo il 14% del business su quel quartiere – spiegano i cittadini che negli scorsi mesi hanno spinto per l’opzione della ristrutturazione – tutto il resto è costituito da un centro commerciale, grattacieli e cementificazione”. Una visione condivisa non solo da M5S e Verdi, ma anche dal consigliere di maggioranza Pd Carlo Monguzzi: “Non ha senso questo progetto. Mi preoccupa la speculazione edilizia e commerciale, Milano ha bisogno di tutto meno che centri commerciali e case di lusso”. Un atteggiamento che secondo alcuni attivisti della rete milanese di Fridays For Future “si ritrova anche in altri progetti come piazzale Baiamonti e la Goccia. Vedo molto green-washing nelle politiche del sindaco Sala”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecofuturo 2020, al via la settima edizione del festival dedicato alle ecotecnologie: “Idee per ripartire in modo sostenibile”

next
Articolo Successivo

Ecofuturo 2020, la seconda giornata del festival: autostrade del mare, autocura energetica delle scuole e crowdfunding

next