“A volte ci vogliono anni, decenni ma alla fine la verità deve riuscire a trionfare”. Il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho è stato venerdì a Reggio Calabria dove si è conclusa la requisitoria del procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo nel processo ’Ndrangheta stragista che vede alla sbarra il boss di Brancaccio Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone, referente della cosca Piromalli di Gioia Tauro. Accusati dell’omicidio dei due carabinieri Fava e Garofalo avvenuto il 18 gennaio 1994, per entrambi il procuratore Giovanni Bombardieri ha chiesto l’ergastolo. “Partendo dalle dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza, – ha spiegato il capo della Dna Federico Cafiero De Raho – si è poi sviluppata un’indagine enorme che ha consentito di evidenziare quanti accorgimenti e accordi vi siano stati”. De Raho, inoltre, ha sottolineato che le “ricostruzioni di questo processo sono in linea con gli approfondimenti di altre procure distrettuali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Busto Arsizio, chi è Paolo Efrem: il consigliere “silente” della lista vicina alla Lega arrestato nell’inchiesta su ‘ndrangheta e rifiuti

next