Google Chrome, il web browser del colosso di Mountain View, potrebbe presto gravare fino al 30% in meno sul consumo di batteria dello smartphone, grazie a una nuova funzione che dovrebbe limitare i timer JavaScript nelle schede in esecuzione in background. Con l’introduzione di questa funzione, l’azienda mira a migliorare la durata della batteria per gli utenti su tutte e sei le piattaforme, sia desktop che mobile, tra cui Windows, Mac, Linux, Chrome OS, Android e Android WebView.

La tecnologia, denominata Throttle Javascript timers in background può essere abilitata dagli utenti di Google Chrome Canary 86 aprendo una nuova scheda, digitando la stringa chrome://flags/#intensive-wake-up-throttling nella barra degli indirizzi, mettendo la spunta su Enable all’interno del menu a tendina e riavviando infine il programma.

Per chi non lo sapesse, i timer di Javascript si azionano ad intervalli regolari, e il loro scopo è quello di monitorare lo scrolling della pagina e analizzare il coretto funzionamento del browser, anche dal punto di vista della visualizzazione. Questa tipologia di attività è fondamentale per poter utilizzare al meglio il browser. Nonostante ciò, questo comporta un grande dispendio di batteria. In Google Chrome i wake ups timer in background sono già limitate a 1 secondo e all’1% di utilizzo della CPU, ma questa nuova funzione mira a limitare i timer Javascript ad un singolo wake up al minuto nelle pagine inattive per un massimo di 5 minuti, portando una riduzione dei consumi della batteria che, dagli esperimenti di Google, dovrebbe variare dal 13 al 29%.

Con il rilascio della versione stabile di Google Chrome Canary 86, questa funzione sarà presente e sarà un’opzione di default. Anche altri sviluppatori di browser stanno già distribuendo delle implementazioni simili: Apple ad esempio ha modificato i timer del suo browser Safari, impostandoli però su degli intervalli di 40 secondi anziché di 1 minuto come ha invece fatto Google.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

ASUS ROG Stryx Electro Punk: le periferiche per il gaming diventano trendy

next
Articolo Successivo

Caricabatterie addio? Apple e Samsung pensano di non includerli più con gli smartphone top gamma

next