Salgono ancora i contagi di coronavirus in Italia: 229, contro i 193 di ieri. Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, il numero dei casi totali sale così a 242.363. Calano ancora le vittime: 12, contro le 15 del giorno precedente. In totale, dall’inizio dell’emergenza, sono morte 34.926 persone. Il dato dei contagi va letto però tenendo conto dell’incremento di tamponi: 52mila test, 2mila in più da ieri, per un totale di 5 milioni e 800mila.

Scendono a 69 i pazienti affetti da Covid in terapia intensiva, due in meno di ieri. Quasi la metà (30) sono in Lombardia, seguita da Lazio (13), Piemonte e Emilia Romagna (10). I ricoverati con sintomi sono 871, diciotto in meno da ieri, mentre altre 12.519 persone si trovano in isolamento domiciliare, in calo rispetto a ieri. I guariti sono invece 193.978, 338 in più di ieri.

Sei Regioni – più le provincie autonome di Trento e Bolzano – non hanno segnalato nessun nuovo caso nelle ultime 24 ore. In Lombardia i nuovi casi sono poco più della metà del totale – 119 – e si registrano 5 nuovi decessi. Di questi, 35 sono nella provincia di Milano (di cui 15 in città) 28 a Bergamo, 15 a Mantova e 14 a Brescia. Non ci sono nuovi casi a Lodi, la provincia dove si è originato uno dei primi focolai in Italia, e si conta un solo positivo a Sondrio, Lecco e Como. Salgono ancora i guariti e i dimessi, che sono 217 in più rispetto a ieri. Ma a Bergamo si guarda al futuro con prudenza: “Ora non possiamo essere impreparati – Luca Lorini, direttore del reparto di Rianimazione e terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII – Dobbiamo preparare il futuro. Non possiamo smontare tutto adesso”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, positivo con tosse e febbre fermato a Termini: ha attraversato più regioni. Denunciato per violazione della quarantena

next
Articolo Successivo

Ragazzi morti a Terni, il procuratore: “Io per primo faccio mea culpa. Ho fatto mille indagini sulla droga, ma dovevo fare di più”

next