Amazon Prime Video si allinea finalmente ad alcuni dei suoi principali competitor come Netflix o Disney+, introducendo la possibilità di creare fino a sei diversi profili personali per ogni singolo account. Fino ad oggi infatti il profilo coincideva con quello di iscrizione ad Amazon, e non aveva importanza se invece del servizio usufruiva l’intera famiglia, magari su dispositivi differenti: il profilo per il log-in era sempre lo stesso ed era quindi impossibile personalizzare le preferenze. Ora invece la funzione “continua a guardare”, una lista di film e serie TV di cui si è interrotta la visione, sarà personalizzata per ciascun profilo. Resta invece immutato il limite di tre dispositivi su cui è possibile utilizzare lo stesso account.

Creare un nuovo profilo utente è abbastanza semplice: sarà sufficiente infatti recarsi sulla home page di Amazon Prime Video e cliccare quindi in alto a destra, sull’icona del nostro account. Qui vedremo due nuove opzioni: Aggiungi un profilo e Modifica profili. La prima in particolare è quella che consente di creare i sei profili previsti per ciascun account, indicando nome, immagine e, di volta in volta, se si tratta o meno di un Profilo Bambino. Attivando questa opzione i contenuti disponibili saranno ridotti, nascondendo tutti quelli che non sono adatti per bambini fino a 12 anni di età.

Alcuni potrebbero trovare un po’ confusiva quest’ultima funzione, che sembra un doppione di quella Kids già presente da prima e visibile nel menu principale. Tuttavia quell’opzione nasconde i contenuti non adatti ai minori di 12 anni per il singolo account, mentre adesso è possibile decidere profilo per profilo: una ridondanza che probabilmente sarà corretta a breve, probabilmente con l’eliminazione della voce Kids. La nuova funzione è stata inizialmente introdotta negli Stati Uniti, ma al momento in cui scriviamo risulta già disponibile in Italia. Se dunque non doveste ancora vederla attiva non preoccupatevi, i roll out di Amazon sono solitamente molto veloci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, ArcelorMittal annuncia altri tre mesi di cassa integrazione

next
Articolo Successivo

Covid19, Bruxelles si assicura le forniture di farmaci salva vita di Roche e Merk

next