Cala il numero di nuovi contagi da coronavirus in Italia. Secondo l’ultimo bollettino e nonostante i focolai che preoccupano alcune regioni, i nuovi casi in 24 ore sono 138, ieri erano stati 208. Di questi poco meno della metà si registrano in Lombardia, mentre sette regioni dichiarano di aver avuto zero casi nelle ultime ore. Da tenere presente l’aumento del numero di tamponi rispetto a ieri: sono oltre 40mila, contro i poco più di 20mila effettuati lunedì. Numeri che portano a oltre 5 milioni e 700mila il totale dei tamponi effettuati dall’inizio della pandemia.

Aumenta in maniera considerevole il numero dei morti: sono 30, 22 in più rispetto a ieri. Il numero delle vittime dall’inizio dell’emergenza sale così a 34899. Positivo invece il dato relativo ai guariti, conteggiato anche in base alle ultime dimissioni dagli ospedali: sono 192815, 574 in più rispetto a ieri. Stesso discorso se si guarda gli attuali ricoveri ordinari, ancora in calo di sei persone dopo il traguardo raggiunto nei giorni scorsi di scendere sotto i 1000 pazienti. In totale, conteggiando i guariti, i morti e gli attuali positivi, sono 241956 le persone che hanno contratto il virus dall’inizio dell’epidemia.

Se si guarda alle singole regioni, sette, appunto, quelle senza casi: Puglia, Abruzzo, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Il numero maggiore di nuovi casi si registra, ancora una volta, in Lombardia: ne conta 53. Alti anche i nuovi contagi in altre tre regioni, dove si trovano gli attuali nuovi focolai: Emilia Romagna, Veneto e Toscana.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Georg Ratzinger rischia di passare alla storia come un grande chiacchierone

next
Articolo Successivo

Autostrade, Anac: “Resistenza alla trasparenza. Dopo il ponte Morandi scarsa collaborazione”. La replica: “Si tratta di valutazioni superficiali”

next