Cinque anni e mezzo di carcere per l’aggressione al cronista dell’Espresso Federico Marconi e al fotografo Paolo Marchetti. È la condanna emessa dal tribunale di Roma per due esponenti di estrema destra: Vincenzo Nardulli, di Avanguardia nazionale, e Giuliano Castellino, leader romano di Forza Nuova. I due sono accusati di lesioni e rapina aggravata e minacce.

Il pm Eugenio Albamonte aveva chiesto condanne per 6 anni ciascuno. Al termine della lettura della sentenza Castellino ha urlato “siete una manica di buffoni“. I due reporter vennero aggrediti nel cimitero del Verano il 7 gennaio del 2019 in occasione di una manifestazione degli esponenti di estrema destra per i morti di Acca Larentia. A quanto accertato dagli investigatori della Digos romana, le due vittime sarebbero state accerchiate, aggredite e una anche minacciate di morte nel tentativo di impossessarsi del materiale registrato. Il 28 marzo del 2019 Castellino e Nardulli furono arrestati e posti ai domiciliari.

La ricostruzione – A denunciare i due esponenti di estrema destra era stata la polizia l’8 gennaio del 2019, il giorno dopo l’accaduto. Secondo la ricostruzione della Questura, durante la commemorazione di Acca Larentia al mausoleo dei martiri fascisti al cimitero del Verano organizzata da Forza Nuova e Avanguardia Nazionale, otto persone, tra le quali Castellino e Nardulli, stavano discutendo animatamente con un collaboratore esterno dell’Espresso perché stava riprendendo le fasi della cerimonia. Gli agenti, dopo aver calmato gli animi, hanno raccontato di aver accompagnato il cronista all’esterno del cimitero, per evitare che la situazione potesse degenerare. In serata, però, lui stesso si è presentato dalla Digos, insieme ad un altro giornalista, denunciando la subita aggressione, con schiaffi e pugni, da un gruppo di manifestanti. Inoltre, lo stesso giornalista aveva presentato referto con tre giorni di prognosi per alcune contusioni. Castellino e Nardulli erano stati accusati di minaccia, lesioni personali e violenza privata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta a San Marino, archiviate le posizioni del deputato macroniano Sandro Gozi e della presidente della Banca centrale Tomasetti

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, la procura di Taranto apre inchiesta sulla nube di carbone che sabato si è alzata dai parchi minerari arrivando al rione Tamburi

next