Una scena da film horror. È quella che hanno trovato i parenti di una novantenne morta all’ospedale di Thiesi, in provincia di Sassari, e lasciata due giorni sul tavolo della camera mortuaria ricoperta di formiche. Senza aria condizionata nella stanza, il caldo ha accelerato i naturali processi organici attirando gli insetti.

I familiari dell’anziana donna hanno denunciato la situazione ai carabinieri del Nas, che sono subito intervenuti. L’Assl di Sassari ha aperto anche un’indagine interna. La Procura ha disposto la ricomposizione della salma e la sua restituzione alla famiglia per i funerali, celebrati come da programma ieri pomeriggio a Sassari. Gli inquirenti hanno ufficialmente aperto un fascicolo di indagine contro ignoti,

Perfino il sindaco di Thiesi, Gianfranco Soletta, si è presentato nella struttura sanitaria per manifestare la propria costernazione e portare solidarietà ai parenti della donna.”La direzione aziendale si scusa per l’accaduto e porge le più sentite condoglianze restando a disposizione dei familiari – informa una nota della Assl comunicando “di aver già concluso il ripristino per la regolare accoglienza della camera ardente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Una tromba d’aria alza le polveri dell’ex Ilva: tempesta di carbone sul quartiere Tamburi di Taranto. Le immagini riprese da un’auto

next