Giovedì 2 luglio si è conclusa la prima parte della requisitoria della Procura di Milano nel processo per corruzione internazionale che vede coinvolte Eni e Shell, sulla super-tangente da 1,3 miliardi di dollari versata dalle due compagnie petrolifere a politici nigeriani per ottenere i diritti di sfruttamento del grande giacimento petrolifero Opl 245, in Nigeria. Imputati sono l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e il suo predecessore, Paolo Scaroni, con altre undici persone, tra cui tre ex manager Eni, Roberto Casula, Vincenzo Armanna e Ciro Antonio Pagano, insieme ad alcuni presunti intermediari, gli italiani Luigi Bisignani e Gianfranco Falcioni e il russo Ednan Agaev, nonché l’ex ministro del petrolio della Nigeria, Dan Etete. A giudizio anche alcuni ex manager della Shell, che secondo l’accusa divise l’affare con l’Eni.

Per anni i pm della Procura di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno seguito le piste di questa grande storia internazionale di soldi, affari e petrolio che si snoda, come un film di 007, tra Milano, Abuja, Londra, l’Olanda, la Svizzera e qualche paradiso fiscale, raccogliendo migliaia di pagine di documenti, interrogatori e intercettazioni. I fatti certi: nel 2011 Eni pagò su un conto del governo nigeriano, per ottenere Opl 245, la bella cifra di 1 miliardo e 92 milioni di dollari. Ma neppure un cent restò nelle casse pubbliche del Paese africano, perché i soldi furono girati, dirottati e dispersi in una girandola di conti in giro per il mondo. Finirono – secondo l’accusa – a governanti della Nigeria e a mediatori italiani e internazionali, con qualche stecca tornata nelle tasche dei manager Eni.

E proprio per ripercorrere le tappe della vicenda, il gruppo Re:Common, un’associazione che fa inchieste e campagne contro la corruzione e la distruzione dei territori, ha prodotto una serie di video realizzati dal vignettista Dario Campagna e dal collettivo di autori Lele Marcojanni. Tre minuti ciascuno per spiegare con un linguaggio che unisce disegno, grafica e giornalismo “chi sono i buoni e i tanti (presunti) cattivi, quanto denaro c’è in ballo e che cosa è successo negli oltre due anni di procedimento al tribunale di Milano”. Qui proponiamo la seconda puntata, tutte le altre sono disponibili sul sito di Re:Common

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moby Prince, le nuove prove dalle foto dei satelliti: la petroliera dell’Agip era in area di divieto quando fu centrata dal traghetto

next
Articolo Successivo

Truffa telefonia, nelle carte il racconto del meccanismo: “Avevamo liste con migliaia di numeri sui quali attivare servizi a pagamento”

next