Giovedì 2 luglio si è conclusa la prima parte della requisitoria della Procura di Milano nel processo per corruzione internazionale che vede coinvolte Eni e Shell, sulla super-tangente da 1,3 miliardi di dollari versata dalle due compagnie petrolifere a politici nigeriani per ottenere i diritti di sfruttamento del grande giacimento petrolifero Opl 245, in Nigeria. Imputati sono l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e il suo predecessore, Paolo Scaroni, con altre undici persone, tra cui tre ex manager Eni, Roberto Casula, Vincenzo Armanna e Ciro Antonio Pagano, insieme ad alcuni presunti intermediari, gli italiani Luigi Bisignani e Gianfranco Falcioni e il russo Ednan Agaev, nonché l’ex ministro del petrolio della Nigeria, Dan Etete. A giudizio anche alcuni ex manager della Shell, che secondo l’accusa divise l’affare con l’Eni.

Per anni i pm della Procura di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno seguito le piste di questa grande storia internazionale di soldi, affari e petrolio che si snoda, come un film di 007, tra Milano, Abuja, Londra, l’Olanda, la Svizzera e qualche paradiso fiscale, raccogliendo migliaia di pagine di documenti, interrogatori e intercettazioni. I fatti certi: nel 2011 Eni pagò su un conto del governo nigeriano, per ottenere Opl 245, la bella cifra di 1 miliardo e 92 milioni di dollari. Ma neppure un cent restò nelle casse pubbliche del Paese africano, perché i soldi furono girati, dirottati e dispersi in una girandola di conti in giro per il mondo. Finirono – secondo l’accusa – a governanti della Nigeria e a mediatori italiani e internazionali, con qualche stecca tornata nelle tasche dei manager Eni.

E proprio per ripercorrere le tappe della vicenda, il gruppo Re:Common, un’associazione che fa inchieste e campagne contro la corruzione e la distruzione dei territori, ha prodotto una serie di video realizzati dal vignettista Dario Campagna e dal collettivo di autori Lele Marcojanni. Tre minuti ciascuno per spiegare con un linguaggio che unisce disegno, grafica e giornalismo “chi sono i buoni e i tanti (presunti) cattivi, quanto denaro c’è in ballo e che cosa è successo negli oltre due anni di procedimento al tribunale di Milano”. Qui proponiamo la seconda puntata, tutte le altre sono disponibili sul sito di Re:Common

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Moby Prince, le nuove prove dalle foto dei satelliti: la petroliera dell’Agip era in area di divieto quando fu centrata dal traghetto

next
Articolo Successivo

Truffa telefonia, nelle carte il racconto del meccanismo: “Avevamo liste con migliaia di numeri sui quali attivare servizi a pagamento”

next