La Guardia di finanza di Napoli ha sequestrato nel porto di Salerno un ingente quantitativo di droga, 14 tonnellate di amfetamine, 84 milioni di pasticche col logo “captagon”, prodotte in Siria dall’Isis o da gruppi terroristici per autofinanziarsi. Il valore della droga, trovata dalle Fiamme gialle grazie alla collaborazione con l’Agenzia delle dogane e dei monopoli in tre container, è stato stimato in oltre un miliardo di euro. La droga era stata nascosta in cilindri di carta per uso industriale e macchinari costruiti in maniera tale da impedire agli scanner di individuare il contenuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salerno, sequestrate 14 tonnellate di “droga dell’Isis”: possibile contatto tra criminali siriani e clan di camorra

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Caritas: “Durante il lockdown assistiti 34% di nuovi poveri. Aumentate le violenze e i maltrattamenti in famiglia”

next