Bisogna insegnare la storia dei rom e dei camminanti nelle scuole, mettendo in luce che sono state vittime dell’Olocausto e che hanno partecipato a movimenti di resistenza. La decisione del tutto inedita del Consiglio d’Europa, la prima di questo genere in 70 anni, vuole usare la via della conoscenza per prevenire negazionismo e revisionismo e chiede quindi ai 47 Stati membri di includere questi temi nel curriculum scolastico. Per farlo, spiegano da Strasburgo, non sono necessarie né “ore aggiuntive” né “ulteriori spese”, perché si tratta di argomenti che possono essere inseriti nelle lezioni di varie materie.

Il comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, organo esecutivo che è emanazione diretta dei governi, ritiene che sia “uno strumento efficace per lottare contro l’odio, la discriminazione e il pregiudizio nei loro confronti”. L’organizzazione internazionale, che promuove democrazia e diritti, sottolinea inoltre come sia importante evidenziare i fatti storici di cui queste popolazioni sono state vittime, ma anche il loro contributo attivo alla storia e alla cultura delle nazioni europee.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, ministra Azzolina: “Mai detto che la didattica digitale possa o debba sostituire quella in presenza. Sarà opportunità complementare”

next
Articolo Successivo

Scuola, per i supplenti addio alle vecchie graduatorie di istituto: arrivano le liste provinciali

next