Sette anni dopo lo scontro armato tra due clan di Ostia, la corte d’assise di Roma ha emesso 7 condanne contro diversi esponenti degli Spada. Vent’anni di carcere in totale: 8 per Ottavio Spada (anziché i 12 chiesti dal pm) accusato di tentato omicidio, e tre a Carmine Spada.

I fatti avvennero durante la notte tra il 16 e il 17 luglio 2013: un conflitto a fuoco tra esponenti della famiglia Spada e membri del clan rivale dei Triassi, una guerra andata avanti per anni e finita a coltellate e colpi di pistola. Testimone della sparatoria fu la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che sentì due colpi di pistola e si affacciò alla finestra, riconoscendo i due esponenti della famiglia Spada, Carmine e Ottavio. La giornalista denunciò quanto visto e scelse di testimoniare al processo e da allora vive sotto scorta. “Sono contenta perché questa sentenza si basa anche sulla mia testimonianza – commenta oggi – I giudici mi hanno creduto. Ottavio Spada è stato condannato ad 8 anni, uno in più dei 7 che ho ‘scontato’ io sotto scorta. Sono soddisfatta”.

Per Ottavio Spada il pm Erminio Amelio aveva chiesto 12 anni (ne sconterà 8, la condanna più alta tra le sette) Marco Esposito (esponente del clan rivale) è stato condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione, Fabio Di Francesco a 3 anni, Nando De Silvio a 3 anni, Domenico Fusinato a 2 anni e Ombretta Sertorio a un anno e 4 mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bus dirottato a Milano, la perizia chiesta dai giudici: “Sy non affetto da infermità mentale”

next
Articolo Successivo

Lombardia, truffa su farmaci rimborsati dalla Regione. Indagato l’ex ad del San Raffaele Nicola Bedin: è il nuovo presidente di Snam

next