“Il paragone con la Spagnola ha un valore soltanto evocativo. La domanda giusta da porsi è se siamo preparati ad affrontare il ritorno di focolai e il ritorno di trasmissione”. Così Andrea Crisanti, professore di Microbiologia all’Università di Padova, ospite dell’ultima puntata di stagione di ‘Punto Esclamativo’, il programma di informazione settimanale realizzato da Loft Produzioni e condotto da Luca Sommi, disponibile su sito (www.iloft.it) e app, a proposito del parallelo fatto da Bruno Ranieri Guerra dell’Organizzazione mondiale della Sanità tra il Covid19 e la Spagnola del 1918-1920. “Qualsiasi paragone con la Spagnola ha un valore soltanto evocativo, sicuramente non numerico, né come dimensioni, né come gravità – ha spiegato il professore – A questo punto la domanda non è chiedersi cosa accadrà, perché cosa accadrà non lo può sapere nessuno, ma se siamo preparati ad affrontare il ritorno di focolai e il ritorno di trasmissione: questa è la domanda da porsi perché sul fatto che possa ritornare il contagio in queste condizioni, così come è adesso, io lo vedo inevitabile“. Rispetto alla preparazione in vista di una seconda ondata, Crisanti ha detto: “Io penso che siamo preparati come capacità: abbiamo creato una notevole capacità di fare diagnosi e abbiamo capillarmente diffuso conoscenze a livello delle strutture ospedaliere e dei presidi sanitari periferici su come affrontare questa epidemia, quindi sicuramente non sarà la stessa cosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contante, Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Perché si aspetta ad abbassare soglie? Dimostra quanto conta il partito dell’evasione”

next
Articolo Successivo

Veneto, Andrea Crisanti a Punto Esclamativo (Loft): “Battibecchi con Zaia? La politica vuole incassare i dividendi, specie sotto elezioni”

next