Visibilità ridotta. E una nube a tratti grigia, a tratti rossa, che ricopre il cielo del Golfo del Messico. È la rara tempesta di sabbia del Sahara che ha raggiunto le coste dell’America centrale. La tempesta, spinta dai venti, ha percorso oltre 5000 miglia. La densità, spiegano gli esperti, è senza precedenti e rischia di creare anche problemi di salute. Oltre all’effetto sul paesaggio, quindi, si temono gli effetti dell’inalazione. Ecco alcune immagini condivise da cittadini messicani sui social.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, così Sacha Baron Cohen ha beffato gli estremisti di destra: l’attore travestito alla manifestazione degli ultraconservatori

next
Articolo Successivo

Francia, scandalo dei rimborsi parlamentari: l’ex primo ministro Fillon condannato a 5 anni

next