La vicenda degli incontri all’hotel Champagne di Roma tra magistrati e politici per pilotare le nomine ai vertici delle più importanti procure italiane ha un nuovo, importante sviluppo: la procura generale della Corte di Cassazione, in conclusione della prima fase dell’istruttoria, ha chiesto il processo alla sezione disciplinare del Csm per 10 magistrati. La notizia è stata annunciata direttamente in conferenza stampa dal procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi. Il giudizio disciplinare è stato chiesto per Luca Palamara, ex presidente dell’Anm, leader di Unicost e considerato il centro nevralgico di un sistema di relazioni in grado di condizionare le scelte del Csm.

Oltre a Palamara, stessa richiesta anche per i 5 ex togati del Csm dimissionari lo scorso anno: si tratta di Antonio Lepre, Luigi Spina, Corrado Cartoni, Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli. Non solo. Giovanni Salvi ha chiesto il processo disciplinare per il deputato di Italia Viva Cosimo Maria Ferri, l’ex pm romano Stefano Fava, l’ex pm della Dna Cesare Sirignano più due magistrati segretari del Csm, per uno dei quali la richiesta di giudizio disciplinare era già stata avanzata. Per tutti, uno dei punti contestati è l’interferenza nell’esercizio dell’attività del Consiglio superiore della magistratura in relazione all’incontro all’hotel Champagne per discutere di nomine ai vertici delle principali procure italiane. “L’elemento sta nel fatto che le scelte venivano esposte in relazione a condotte, richieste o temute, rispetto a posizioni processuali per favorire qualcuno o danneggiare qualcun altro”, ha spiegato Giovanni Salvi. Secondo cui la vicenda nata dall’inchiesta di Perugia “ha segnato un punto di non ritorno, quello che è successo è irreversibile“: “L’impatto sull’opinione pubblica è stato pessimo – ha sottolineato Salvi – ma proprio per questo c’è un gran desiderio di voltare pagina”.

Il processo, inoltre, potrebbe essere solo il primo step delle azioni disciplinari. Il pg della Cassazione Salvi lo ha detto chiaramente: i magistrati coinvolti “rischiano anche le sanzioni più gravi”. Da cosa dipenderà la decisione e il peso dei provvedimenti? Con tutta probabilità anche dall’esame della chat contenute nel telefono cellulare di Luca Palamara. Si tratta di elenchi di messaggi su cui la procura generale della Cassazione sta ancora lavorando: “Non è possibile parlare di numeri e nomi, neanche nei prossimi giorni, il lavoro deve essere completato – ha chiarito Giovanni Salvi – e non ci può essere alcuna anticipazione fino a quando le persone coinvolte non avranno avuto la notificazione dei provvedimenti”. Salvi, poi, ha aggiunto che “ci sono conversazioni che riguardano anche consiglieri del Csm in carica. Ma dobbiamo fare un lavoro completo che consenta di selezionare le diverse condotte“. Parole, quindi, che lasciano intendere come tutta la vicenda potrebbe avere nuovi sviluppi e altrettanti scossoni, con altri magistrati coinvolti.

Tra chi è già finito nel mirino della procura generale di Cassazione c’è invece Cosimo Maria Ferri, deputato renziano di Italia Viva. “Per quanto riguarda Ferri, abbiamo chiesto alla Sezione disciplinare del Csm di chiedere l’autorizzazione alla Camera per l’utilizzazione nei suoi confronti delle intercettazioni utilizzate” ha detto Giovanni Salvi, parlando del procedimento a carico del parlamentare renziano e relativo alla riunione all’hotel Champagne, con Luca Palamara, Luca Lotti e cinque consiglieri del Csm allora in carica sulle nomine dei procuratori di Roma e Perugia. Per Palamara, del resto, il rinvio a giudizio disciplinare è stato chiesto dalla procura generale della Cassazione solo “per i fatti legati all’hotel Champagne. Sono fuori le contestazioni penali per le quali dobbiamo attendere gli esiti della procedura e altre vicende per cui sono ancora in corso accertamenti sia in fase penale che disciplinare” ha detto ancora il pg della Cassazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Condoni Roma, nella carte le accuse: “Tangenti per aggiustare pratiche su ville e cliniche. E pure sul ristorante dei calciatori”

next
Articolo Successivo

Ispettorato lavoro, la lettera di ringraziamento del direttore generale al responsabile anticorruzione indagato (e poi arrestato)

next