“Se ci sentiamo traditi? Sì, ma non dall’Egitto dopo tutto quello che hanno fatto a nostro figlio e dopo quattro anni e mezzo di menzogne e depistaggi. In verità è il fuoco amico che fa male”, così Paola Deffendi e Claudio Regeni, genitori di Giulio, il ricercatore torturato e ucciso nel 2016, intervenendo durante la trasmissione di La7 Propaganda Live, lanciano un duro attacco all’Italia, accusandola di “averli traditi”. “Uno non si aspetta di dover lottare contro il loro Stato per ottenere verità e giustizia – hanno aggiunto – E invece è proprio lo Stato italiano che ci ha traditi”. E, secondo Paola e Claudio, lo ha fatto due volte. La prima nel 2017, quando ha rinviato l’ambasciatore al Cairo, “e adesso con la vendita delle armi all’Egitto”. Un tradimento, sottolineano, “non solo per noi, ma per tutti gli italiani”. Da anni i genitori del 28enne chiedono verità e giustizia, e con loro migliaia di italiani e no. “Non si pensi che basterà darci quattro cianfrusaglie – aggiungono – non ci accontenteremo più di atti simbolici. Dopo quattro anni e mezzo il tempo è scaduto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, non solo Casapound: la sede di Forza Nuova è in un immobile regionale occupato. E la sera diventa un pub abusivo

next
Articolo Successivo

Treviso, casi di Covid in una caserma con 320 migranti: imposta quarantena, le proteste sfociano in una rivolta

next