Il modo di fare politica di Matteo Renzi in questa stagione è quello di una persona che dice una cosa e ne fa un’altra”. Così Carlo Calenda ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda tutti i venerdì alle 22.45 su Nove ha risposto al conduttore che gli domandava cosa pensasse del leader di Italia viva. “Vota lo scudo penale che ha messo lui su Ilva, poi dice che sfiducia Bonafede, poi fa un accordo per non sfiduciarlo – ha detto l’ex ministro dello Sviluppo economico – Io non sopporto che condisca tutto con “la mossa del cavallo” (il titolo del suo ultimo libro, ndr), Enea, Anchise, l’ispirazione di Obama, il mio modo di vedere la politica diverso dagli altri, ecco, questo mi fa incazzare. Io penso che in politica si possa fare tutto, c’è dentro tutto e tutto ha una sua funzione, però, non puoi fare il Mastella e presentarti per Kennedy, perché non va bene, o ci prendi tutti per pirla oppure hai bisogno che qualcuno come me, che comunque ritiene la sua esperienza di governo fino a un certo punto straordinariamente positiva, ti dica: ‘Ma che sei scemo?’”, ha concluso Calenda.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, Calenda ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Matteo Salvini pericoloso per l’Italia perché è un totale incapace”

next
Articolo Successivo

Zone rosse Alzano e Nembro, Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Chiudere o meno è una scelta politica, non un reato”

next