Torna a salire sensibilmente il numero dei contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore sono infatti 379 le persone trovate positive, contro le 202 di ieri, con il totale che sale così a 236.142 dall’inizio della pandemia. Sale così allo 0,16% il trend del contagio a livello nazionale. Il 66,4% dei nuovi positivi è concentrato in Lombardia. Calano però le vittime, secondo i dati forniti dalla Protezione civile, che nell’ultima giornata sono state 53, contro le 71 di ieri. Si tratta del dato più basso dal 2 marzo, quando se ne erano registrate 52, e lo stesso registrato il 7 giugno scorso.

Nonostante l’aumento dei nuovi casi, continua a calare il numero degli attualmente positivi che in totale sono 30.637, 1.073 meno di ieri, quando il calo era stato di 1.162. Questo grazie anche ai 1.339 guariti in un giorno che fanno salire il totale delle persone tornate negative al virus a 171.338. Mercoledì l’aumento era stato di 1.293.

Dati che fanno scendere anche il numero di letti occupati dai pazienti Covid negli ospedali italiani. Sono 236 i soggetti in terapia intensiva, 13 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 4.131, con un calo di 189 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare scendono a 26.270, con un calo di 871 rispetto a ieri.

I tamponi per il coronavirus sono in totale 4.433.879, in aumento di 52.530 rispetto a ieri. I casi testati sono invece 2.746.545.

Lombardia, nuovo aumento di contagi: sono 252 in 24 ore
Salgono nuovamente i contagi in Lombardia. Rispetto a 24 ore prima sono ben 252 le persone risultate positive ai 13.376 tamponi effettuati in tutta la regione, contro le 99 di ieri. Sale così a 90.932 il totale complessivo dei positivi riscontrati dall’inizio della pandemia, mentre il rapporto tra tamponi effettuati e casi riscontrati sale ma si mantiene sotto il 2%, all’1,9%. Calano, comunque, gli attualmente positivi che sono 17.340 (-517), grazie anche all’alto numero di guariti, 744, per un totale complessivo di 57.218. Inoltre, sono 25 le persone decedute in 24 ore, per un totale di 16.374. Cala il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva: attualmente sono 97 (-1), mentre i ricoverati in altri reparti ammontano a 2.488 (-77).

Hanno superato quota 10mila (esattamente 10.018) il numero di contagiati dal coronavirus a Milano città. Nella giornata di ieri i nuovi positivi sono stati 34 (71 considerando l’intera città metropolitana, dove gli affetti da coronavirus sono in totale 23.581). Quanto alle altre province, a Bergamo i positivi sono 13.710 (+39), a Brescia 15.187 (+81), a Como 3.957 (+4), a Cremona 6.527 (+7), a Lecco 2.774 (+3), a Lodi 3.522 (+7), a Mantova 3.398 (+2),a Monza 5.603 (+10), a Pavia 5.433 (+4), a Sondrio 1.505 (+6) e a Varese 3.736 (+12).

Le altre Regioni: i contagi
Nel dettaglio, gli attualmente positivi sono 17.340 in Lombardia (-517), 3.183 in Piemonte (-189), 2.000 in Emilia-Romagna (-61), 922 in Veneto (-43), 521 in Toscana (-18), 250 in Liguria (+5), 2.517 nel Lazio (-49), 902 nelle Marche (-45), 610 in Campania (-32), 467 in Puglia (-90), 71 nella Provincia autonoma di Trento (-9), 849 in Sicilia (-4), 112 in Friuli Venezia Giulia (-1), 539 in Abruzzo (-11), 99 nella Provincia autonoma di Bolzano (+5), 26 in Umbria (-2), 43 in Sardegna (-7), 6 in Valle d’Aosta (+0), 52 in Calabria (-2), 116 in Molise (-4), 12 in Basilicata (+1).

Le altre Regioni: le vittime
Quanto alle vittime, in Lombardia sono 16.374 (+25), Piemonte 3.988 (+12), Emilia-Romagna 4.192 (+0), Veneto 1.964 (+3), Toscana 1.079 (+1), Liguria 1.514 (+1), Lazio 776 (+6), Marche 992 (+0), Campania 430 (+2), Puglia 530 (+1), Provincia autonoma di Trento 464 (+0), Sicilia 279 (+1), Friuli Venezia Giulia 342 (+1), Abruzzo 453 (+0), Provincia autonoma di Bolzano 292 (+0), Umbria 76 (+0), Sardegna 131 (+0), Valle d’Aosta 144 (+0), Calabria 97 (+0), Molise 23 (+0), Basilicata 27 (+0).

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 3, firmato nuovo Dpcm: lunedì riaprono centri estivi e cinema. Dal 25 giugno ok a sport di contatto. Discoteche chiuse fino al 14 luglio

next
Articolo Successivo

Banksy, ritrovata in Abruzzo la porta del Bataclan. Il procuratore generale: “Esclusi collegamenti con cellule terroristiche islamiche”

next