“Da un giorno con l’altro siamo stati catapultati nell’inferno Covid senza una preparazione. Senza alcuna conoscenza in merito”. “Abbiamo continuato a fare il nostro lavoro ma con un ‘compagno’ in più. La paura”. Hanno dato sfogo ai loro pensieri gli infermieri che mercoledì mattina si sono dati appuntamento a Milano sotto il Pirellone, sede del Consiglio regionale della Lombardia, per il flash-mob organizzato dal NurSind, il sindacato delle professioni infermieristiche, in memoria dei colleghi morti nel corso dell’emergenza. Gli infermieri hanno chiesto alla politica di riconoscere il loro lavoro con un contratto dal giusto compenso economico, simile a quello dei loro colleghi europei. E poi hanno denunciato: “Gli infermieri morti in questi mesi di l’emergenza Covid in tutta Italia sono stati 40. Non c’è stata un’adeguata tutela. Noi della NurSind siamo stati i primi a denunciare delle incongruenze, mentre gli altri si nascondevano dietro le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caporalato nel settore agricolo, operazione della Guardia di finanza: 52 arresti e 14 aziende sequestrate tra Calabria e Basilicata

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, gli operai di Taranto: “Stop a relazioni con Mittal. Dal governo solo rinvii, istituzioni locali intervengano o andremo sotto loro sedi”

next