Per due anni ha preso di mira una coppia gay che abita nel suo stesso condominio: aveva avvelenato le loro piante sul balcone, staccato la corrente elettrica e danneggiato l’auto con la candeggina. Nonostante un ammonimento dalla Questura, gli episodi si erano aggravati, arrivando agli insulti omofobi, alle minacce e infine alla violenza, colpendo uno dei due con un manganello e provocandogli diverse lesioni: un 28enne di Catania è stato arrestato dai carabinieri per “atti persecutori” e adesso si trova ai domiciliari, in un’altra abitazione.

Secondo gli inquirenti, l’uomo non poteva sopportare che la coppia di trentenni vivesse nel suo stesso palazzo e li tormentava con l’obiettivo di costringerli a trasferirsi altrove, “non ritenendoli ‘meritevoli‘ di abitare nello stesso palazzo dove risiedeva”. Per questo spesso teneva la musica a un volume così alto volume da impedire il riposo, o spostava di continuo di mobili, facendo rumore. Fatti che erano stati segnalati all’amministratore anche da altri condomini. “Dovete scomparire! – urlava spesso ai due – Non siete persone adatte a vivere nel condominio, ve ne dovete andare!” Una delle due vittime, per il troppo stress, aveva lasciato l’appartamento ed era tornato a vivere con la madre.

L’ultimo episodio, in ordine di tempo, il 20 febbraio scorso: già ammonito dal Questore di Catania, il 28enne ha aspettato la coppia davanti all’ingresso di casa e dopo averli insultati ha colpito uno dei due con un manganello provocandogli “un’infrazione della quinta e della settima costola sinistra, un trauma cranico non commotivo ed escoriazioni multiple”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

America Latina, anche l’Italia conta vittime nelle dittature militari. Per questo nasce l’Archivio Desaparecido

next