La sicurezza e la privacy, lo sappiamo, ormai sono più un’ideale che una realtà concreta. Nell’era digitale abbiamo rinunciato da tempo a questi valori in cambio di servizi gratuiti e comodità d’uso. Lasciamo nostre tracce digitali ovunque (pagamenti tramite carte, tracciamento GPS) e cediamo i nostri dati di navigazione, consapevolmente o meno, a tutti i colossi che ci forniscono social e servizi vari. Per molti questo significa ormai che preoccuparsi è superfluo, ma per altri – che magari sono più consapevoli, usano le varie opzioni e decidono coscientemente cosa cedere a terzi della propria esistenza digitale – no. Se siete parte di quest’ultima categoria, PrivacyBreacher potrebbe interessarvi. Si tratta infatti di un’app che vi mostrerà i dati presenti sullo smartphone a cui hanno accesso le applicazioni installate su di esso, senza necessità di chiedere alcuna autorizzazione.

Se la cosa vi appare sospetta sappiate che PrivacyBreacher non soltanto è un’app completamente gratuita e priva sia di pubblicità che di acquisti in-app, ma per fugare qualsiasi dubbio è anche open source: il suo codice sorgente cioè è pubblico e consultabile da chiunque abbia le necessarie conoscenze tecniche, per cui l’app è completamente trasparente in quanto a fini e mezzi.

L’app è assai semplice: nella schermata principale infatti troviamo solo te pulsanti: Physical Activity Monitor, Phone Activity Monitor e Phone Information. Cliccando sulla prima voce, l’app ci mostrerà ciò che è possibile ottenere utilizzando i dati accolti dai tanti sensori normalmente integrati in tutti gli smartphone – come giroscopio e accelerometro – e che combinati possono consentire addirittura di ricostruire un’immagine tridimensionale dei movimenti delle nostre mani e del nostro corpo.

Phone Activity Monitor invece, come dice il nome, si occupa di monitorare le principali attività dello smartphone, come l’eventuale collegamento tramite porta USB al caricabatterie o a un altro dispositivo. Phone Information infine visualizza tutte le informazioni sul nostro dispositivo come marca, modello, configurazione hardware etc. i dati mobili e wireless utilizzati, il tempo di attività del dispositivo e l’elenco di tutte le applicazioni installate sullo smartphone.

Insomma, in sostanza PrivacyBreacher ci mostra tutti quei dati a cui ha accesso qualsiasi app presente sul nostro smartphone e che può essere monitorata e registrata senza alcuna necessità di un permesso da parte nostra. Ma non fatevi ingannare, perché non si tratta di informazioni “neutre” o “innocue”, perché possono essere facilmente utilizzate a scopi di tracciamento e profilazione, per gli obiettivi più disparati. Certo, non bisogna cadere nell’eccesso opposto e diventare paranoici. L’app è stata infatti realizzata inizialmente come proof-of-concept per un articolo sui problemi di privacy di Android, ma può comunque aiutaci a diventare più consapevoli di quello che facciamo con lo smartphone, delle app che installiamo e dei permessi che concediamo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple MacBook Pro 16 pollici, su Amazon l’allestimento top con 400 euro di sconto

next
Articolo Successivo

Chrome, il web browser di Google ci spia anche in modalità anonima? Class action all’orizzonte

next