“La celebrazione del 2 giugno – l’anniversario della nascita della nostra Repubblica – ha luogo quest’anno qui, a Codogno e, idealmente, nei tanti altri luoghi in cui il dolore ha colpito il nostro popolo e dove conto di recarmi in altre altre occasioni. In questi luoghi si ritrova oggi la Repubblica“. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo discorso a Codogno in occasione della Festa Nazionale della Repubblica, accolto dai tanti applausi dei cittadini presenti. “Vi ringrazio per il senso di responsabilità e per la dignitosa serietà con cui avete affrontato l’istituzione della zona rossa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centrodestra in piazza, il corteo di Salvini e Meloni visto dall’alto: centinaia di persone accalcate lungo via del Corso

next
Articolo Successivo

2 giugno, da Gino Strada e Gherardo Colombo a Maurizio De Giovanni: la lettura integrale della Costituzione da Stazzema (rivedi la diretta)

next