I nuovi casi di coronavirus in Italia registrano il numero più basso dal 26 febbraio: sono 178, per un totale di 233.197 dall’inizio dell’epidemia e un trend del contagio che scende così fino allo 0,07%. Ieri si era registrato un aumento di 355. Un record positivo dovuto però anche al basso numero di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore: solo 31.394, quasi la metà di quelli effettuati domenica. Anche oggi, secondo i dati diffusi dalla Protezione civile, ci sono sei Regioni che comunicano zero nuovi contagiati: Marche, Sicilia, Umbria, Molise, Calabria e Basilicata.

Cala così anche il numero delle persone attualmente malate: sono 41.367, 708 meno di ieri, quando la diminuzione era stata di 1.616. Scende anche il numero delle vittime giornaliere, che sono ancora 60, 15 in meno rispetto a ieri, quando se ne erano registrate 75. I morti a livello nazionale salgono così a 33.475. In nove regioni non si sono registrate vittime: Veneto, Marche, Sicilia, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

Continua a calare il numero dei ricoverati. Sono 424 i pazienti in terapia intensiva, 11 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 6.099, 288 in meno rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 34.844, con un calo di 409 in 24 ore. Numeri, questi, dovuti anche all’aumento del numero di guariti che sono saliti a 158.355, con un incremento rispetto a ieri di 848. Domenica l’aumento era stato di 1.874.

Lombardia: contagi e vittime ai minimi, ma solo 3.500 tamponi
Registra una netta frenata il numero dei contagiati da coronavirus in Lombardia. Numeri che però sono dovuti a un numero particolarmente basso di tamponi eseguiti (3.572). Si sono registrati solo 50 nuovi positivi, per un totale da inizio emergenza che arriva a 89.018. Sono 167 i ricoverati in terapia intensiva (tre meno di ieri) e 3.085 quelli negli altri reparti (-46). Sono invece stati 19 i deceduti in 24 ore, per un totale di 16.131.

Le altre Regioni: i contagi
Nel dettaglio, gli attualmente positivi sono 20.861 in Lombardia (-135), 5.062 in Piemonte (-99), 3.068 in Emilia-Romagna (-95), 1.468 in Veneto (-32), 1.082 in Toscana (-29), 611 in Liguria (-58), 2.894 nel Lazio (-89), 1.327 nelle Marche (-11), 939 in Campania (-41), 1.155 in Puglia (-22), 293 nella Provincia autonoma di Trento (-11), 967 in Sicilia (-19), 266 in Friuli Venezia Giulia (-12), 744 in Abruzzo (-9), 123 nella Provincia autonoma di Bolzano (-4), 31 in Umbria (+0), 161 in Sardegna (-24), 17 in Valle d’Aosta (+2), 135 in Calabria (-9), 135 in Molise (-10), 28 in Basilicata (-1).

Le altre Regioni: le vittime
Quanto alle vittime, in Lombardia sono 16.131 (+19), Piemonte 3.876 (+9), Emilia-Romagna 4.124 (+10), Veneto 1.918 (+0), Toscana 1.048 (+7), Liguria 1.465 (+2), Lazio 739 (+4), Marche 987 (+0), Campania 413 (+1), Puglia 506 (+2), Provincia autonoma di Trento 462 (+0), Sicilia 274 (+0), Friuli Venezia Giulia 335 (+2), Abruzzo 408 (+3), Provincia autonoma di Bolzano 291 (+0), Umbria 76 (+0), Sardegna 131 (+1), Valle d’Aosta 143 (+0), Calabria 97 (+0), Molise 22 (+0), Basilicata 27 (+0)

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, tra accuse e veleni continua il mistero del Corvo anti-curia. Il Patriarca: “Identificati gli autori? Una mente agisce nell’anonimato”

next