“Questa è la nostra Plaza de Mayo perché seppur nel piccolo anche noi pretendiamo verità e giustizia su quello che è successo”. A novanta giorni dall’inizio della tragedia, il comitato popolare per la verità e la giustizia per le vittime del Covid si è riunito di fronte all’ospedale Pesenti-Fenaroli di Alzano Lombardo. Vogliono chiarezza su quanto successo dentro la struttura ospedaliera e sulle responsabilità della mancata zona rossa. “Il cammino verso la verità è lungo – spiegano dal Comitato che ha fatto partire una petizione su change.org per chiedere alla Procura di fare chiarezza – ma c’è anche la volontà di cambiare il modello di sanità in questa regione dove la medicina territoriale non esiste più e dove le strutture sanitarie sono diventate veicoli di contagio”. La richiesta alla Regione è chiara: “Commissariare la struttura territoriale per gravi negligenze”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, altri 119 morti. Stabili i nuovi contagi: 669, uno su tre in Lombardia. Gallera: “108 sono operatori sanitari e ospiti di Rsa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il sindaco di Brescia “chiude” la movida per il weekend: distanze non rispettate e mascherine sotto il mento. Aggrediti 2 vigili

next