I giudici che hanno scarcerato i detenuti in questi ultimi mesi lo hanno fatto in base a leggi “in vigore da 50 anni e che nessuno aveva mai cambiato”. Lo ha detto al Senato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nel suo intervento che ha anticipato il voto sulla mozione di sfiducia. “Non è uno scaricabarile nei confronti della magistratura – ha aggiunto il Guardasigilli – è il contrario: riconosco ai giudici di sorveglianza di aver svolto un lavoro importante in un momento difficilissimo in cui la pandemia messo a dura prova l’infrastruttura del Paese e a maggior ragione una amministrazione come quella penitenziaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonafede, Casini: “Opposizioni votano mozioni con contenuti opposti”. Mirabelli (Pd): “Tentativo strumentale di far cadere governo”

next
Articolo Successivo

Caso Bonafede, Grillo cita Trilussa e il cane che abbaia tutta la notte solo per non perdere il posto: “Spesso er nemmico nun c’è mica bisogno che ci sia”

next