I giudici che hanno scarcerato i detenuti in questi ultimi mesi lo hanno fatto in base a leggi “in vigore da 50 anni e che nessuno aveva mai cambiato”. Lo ha detto al Senato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nel suo intervento che ha anticipato il voto sulla mozione di sfiducia. “Non è uno scaricabarile nei confronti della magistratura – ha aggiunto il Guardasigilli – è il contrario: riconosco ai giudici di sorveglianza di aver svolto un lavoro importante in un momento difficilissimo in cui la pandemia messo a dura prova l’infrastruttura del Paese e a maggior ragione una amministrazione come quella penitenziaria”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonafede, Casini: “Opposizioni votano mozioni con contenuti opposti”. Mirabelli (Pd): “Tentativo strumentale di far cadere governo”

next
Articolo Successivo

Caso Bonafede, Grillo cita Trilussa e il cane che abbaia tutta la notte solo per non perdere il posto: “Spesso er nemmico nun c’è mica bisogno che ci sia”

next