Niente ritiro della cassa integrazione per i lavoratori di ArcelorMittal dopo l’incontro in prefettura a Genova. Gli operai hanno atteso l’esito della riunione insieme, ma con mascherine e distanziamento sociale. I rappresentanti dell’azienda, fra cui il responsabile delle relazioni sindacali del gruppo, hanno detto no alla proposta di mediazione dei segretari di Fiom, Fim e Uilm, sostenuta anche dalle istituzioni locali, di fermare la procedura di nuova cassa integrazione per Covid in attesa fra l’altro della pubblicazione del decreto Rilancio. Molti lavoratori hanno chiesto di occupare lo stabilimento. I sindacati hanno invece proposto di aprire anzitutto una conflittualità interna allo stabilimento con scioperi mirati a fine turno per danneggiare la produzione e costringere l’azienda a sedersi nuovamente al tavolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, la nuova di cassa integrazione alza lo scontro: scioperi a Genova e Novi. Patuanelli: “Mittal sta facendo capire che non resterà”

next
Articolo Successivo

Latina, chiede la mascherina e lo picchiano. Di caporalato si parla solo se c’è il caso eclatante

next