“Negli scorsi giorni ci siamo immaginati come avremmo potuto riaprire in sicurezza. Abbiamo appreso le cose da internet, perché se avessimo aspettato le indicazioni delle autorità regionali, saremmo ancora chiusi”. Alfio è un gestore di uno dei locali del Naviglio. Oggi per la prima volta i suoi clienti potranno tornare a sedersi nella sua osteria ligure. Tavoli distanti almeno un metro, gel igienizzante, mascherine. Davanti a lui, una vineria ha dovuto dimezzare i tavoli in esterna per rispettare il distanziamento. Si entra in una sola direzione e c’è anche i punti di sosta per andare al bagno: “Ci dobbiamo inventare una nuova vita notturna altrimenti noi ne soffriremmo molto, speriamo di tornare alla normalità” spiega uno dei gestori mentre i dehor iniziano a riempirsi. In un’altra zona della vita notturna milanese, corso Como, sono pochi i locali che hanno aperto. Qui prevalgono i pendolari che tornano a casa dalla stazione Garibaldi così come a Cadorna. Escono dalla metro e si infilano sui regionali diretti alle diverse città dell’hinterland

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, bagnanti in zona transennata e pericolosa: consigliere regionale li riprende e scoppia la lite. Il video in diretta Facebook

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Speranza: “Ripartiamo, ma con attenzione: basta poco per tornare indietro”

next