Silvia Romano torna a scrivere sui social e questa volta lo fa per ringraziare la comunità musulmana per il video postato sul sito “La Luce”, diretto da Davide e Gabriele Piccardo: una solidarietà dimostrata con un filmato in cui si accoglie la ragazza e le si augura serenità dopo la terribile esperienza del sequestro.

“Assalamualaikum wa rahmatullahi a tutti voi che Allah vi benedica per tutto questo affetto che mi state dimostrando. Grazie a Dio, grazie grazie! È bellissimo questo video, è un’emozione grande. Ciao fratelli! A presto in sha Aallah!” si legge in un commento della cooperante sotto un video pubblicato, appunto, sulla pagina La Luce News. Nel video, di oltre 5 minuti, sono tanti i volti che si alternano per dare il bentornato alla 24enne milanese, rientrata dopo una lunga prigionia in Somalia e convertitasi all’Islam.

Giovedì la giovane cooperante, rapita in Kenya e liberata in Somalia, aveva scritto agli amici, per ringraziare dell’affetto e per chiedere di non arrabbiarsi per difenderla. Al suo rientro la giovane ha dichiarato di essersi convertita spontaneamente all’Islam e di aver scelto Aisha come nome. Contro di lei è partita una campagna d’odio per cui la procura di Milano ha ritenuto necessario aprire un fascicolo per minacce aggravate. Per la sua sicurezza si valuta anche il riconoscimento di una tutela.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fq Millennium, da sabato 16 maggio il nuovo numero: “Ecco gli errori che non dobbiamo ripetere per ripartire cercando di limitare i rischi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, relazione Copasir sulla app Immuni: “Rischi geopolitici non trascurabili. Verificare che nessuno possa accedere ai dati”

next