“La più grave crisi economica della storia dell’Unione europea, dovuta alla pandemia di coronavirus ha messo in evidenza il carattere incompleto della nostra unione economica e monetaria”. Lo afferma il ministro egli Esteri, Luigi Di Maio, intervento alla conferenza ‘The State of the Union’, quest’anno organizzata sulla piattaforma web dell’European University Institute. Per Di Maio “le prime risposte messe in campo dall’Unione Europea sono andate nella giusta direzione: la rimozione dei vincoli europei all’azione degli Stati membri, in materia sia di indebitamento, sia di aiuti di Stato alle imprese; il pacchetto d’emergenza, con il nuovo strumento Sure per il finanziamento dei sussidi di disoccupazione e della sanità; il rafforzamento dei prestiti della Bei. Ora è urgente definire ulteriori misure. È necessario fare un salto di qualità, definendo una risposta strutturale”.
Secondo il ministro degli Esteri italiano “la risposta non può che essere un grande piano per la ricostruzione, un vero Recovery Plan, che dovrà essere in grado di finanziarsi sul mercato, raccogliendo le risorse necessarie per il rilancio dell’economia europea. Bisogna agire adesso”. Inoltre sottolinea Di Maio che “se ci fossimo dotati per tempo di efficaci strumenti di stabilizzazione macroeconomica, anche finanziati con obbligazioni europee, non ci troveremmo a dover elaborare soluzioni sulla scorta dell’emergenza, bensì saremmo pronti a prevenire in automatico l’acuirsi della recessione”.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, virologo Crisanti su La7: “Governo promette 5 milioni di tamponi? Ne dubito, c’è una carenza pazzesca di reagenti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’ultimo scontro Livorno-Pisa: il sindaco leghista riapre il litorale pisano solo ai residenti. Salvetti (Pd): “Visione medievale”

next