Sono le parole a fare bella una faccia. Se lo Stato sgancerà quattrini alle imprese darà la giusta spinta alla ripartenza. Se quello stesso Stato immagina di non far morire di fame chi è rimasto senza lavoro, allora è chiaro che piega sul versante “bieco” dell’assistenzialismo.

Sono le parole a far bella una faccia. Se lo Stato immagina di finanziare un’azienda in difficoltà, non dovrà minimamente occuparsi di come quell’azienda spenderà i soldi ottenuti. Si chiama apposta fondo perduto. Perduto e dimenticato. Altrimenti, se si vorrà mettere becco, o solo controllare dove diavolo finiscono quei danari, l’accusa è già pronta: state mica pensando di sovietizzare l’Italia?

Sono le parole a far bella una faccia. Se nelle campagne a raccogliere la frutta e gli ortaggi, a pulire le stalle, a spezzarsi la schiena ogni giorno per dieci ore al giorno ci va gente senza contratto, senza diritti, senza dignità, beh allora sì che possono essere arruolati. Se a quegli stessi uomini venisse concesso il diritto a un contratto, allora no: prima gli italiani!

Dividere il mondo tra buoni e cattivi e poi scegliersi sempre la parte del buono.

Perché non sono i fatti ma le parole a far bella una faccia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, se Johnson lo avesse ascoltato… Perché ci sentiamo di tifare per Neil Ferguson

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i Navigli di Milano come Napoli o il lockdown ha fatto cadere i pregiudizi?

next