Il produttore cinese Realme ha finalmente deciso di portare in Italia il suo smartphone di fascia media Realme 6 Pro, andando così a completare la sua lineup di prodotti, dopo lo sbarco sul mercato della variante economica Realme 6, sbarcata in Europa a fine marzo.

Da un punto di vista estetico i due smatphone Realme si somigliano molto, condividendo lo stesso design per la scocca, con linee gradevoli e cornici sottili, tuttavia le differenze sono diverse e riguardano tanto la scheda tecnica quanto il comparto fotografico.

A cambiare, anzitutto, è il processore. Realme ha infatti sostituito il MediaTek Helio G90T usato per il Realme 6 col più potente Qualcomm Snapdragon 720G, che dovrebbe garantire prestazioni superiori. Non cambia invece RAM e spazio per lo storage, già elevati nel modello più economico, che infatti aveva rispettivamente 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, espandibile con microSD.

Invariato anche il display, che utilizza dunque ancora una volta un pannello LCD con risoluzione FHD+ e refresh rate a 90 Hz. Il Realme 6 Pro però è leggermente più gande, avendo uno schermo da 6,6 pollici invece di 6,5. Un’alta differenza significativa riguarda poi la selfie-cam frontale, sempre integrata in un foro nello schermo, ma doppia anziché singola come nel Realme 6. Le due fotocamere utilizzano rispettivamente un sensore da 16 e 6 Mpixel. Diverso anche il comparto fotografico posteriore. Se la fotocamera principale da 64 Mpixel l’ultra grandangolare da 8 Mpixel non cambiano, quello da 2 Mpixel per i ritratti lascia il posto a un teleobiettivo da 12 Mpixel con zoom ottico 2x. Resta identica invece la capacità della batteria, di 4.300 mAh, e la velocità di ricarica a 30W.

A completamento troviamo un sensore biometrico per la lettura delle impronte digitali, porta USB-C e jack audio da 3,5 mm, oltre ai moduli WiFi 802.11ac dual-band, Bluetooth 5.0, NFC e GPS/A-GPS/Glonass/BDS. Il prezzo lo conosceremo all’esordio, fissato per il prossimo 5 maggio per l’Europa, mentre la presentazione ufficiale per il mercato italiano si svolgerò, sempre online, il successivo 12 maggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

WhatsApp, le nuove restrizioni hanno fatto crollare le condivisioni del 70%

next
Articolo Successivo

Windows 10, il prossimo aggiornamento porterà prestazioni migliori per gli hard disk

next