Fino ad oggi si riteneva che la prima morte per il virus negli Stati Uniti fosse avvenuta il 29 febbraio nello stato di Washington. E invece il dato che emerge dal rapporto dell’ufficio del medico legale della contea di Santa Clara, in California, dimostra che il primo decesso per Covid-19 negli Stati Uniti è avvenuto ai primi di febbraio, molte settimane prima quindi di quanto si credesse. La morte di due persone decedute a casa il 6 febbraio ed il 17 febbraio, è stata infatti provocata dal coronavirus, come conferma oggi un comunicato del dipartimento della Sanità della contea.

Nel comunicato si aggiunge che anche i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) hanno confermato i risultati del medico legale locale che ha inviato ai laboratori di Atlanta dei campioni per effettuare test di controllo. Il dipartimento della contea californiana ha sottolineato che si trattava di decessi a casa “in un momento in cui era molto limitato l’accesso ai test, solo attraverso i Cdc“.

“I criteri per fare i test del Cdc a quel momento limitavano la possibilità alle persone che avevano viaggiato in aree a rischio o erano state ricoverate per sintomi specifici” prosegue la dichiarazione rendendo noto che l’ufficio del medico legale sta continuando le sue indagini nella contea e quindi, “si prevede che saranno identificate altre morti per Covid-19“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Financial Times: “In Uk forse 41mila morti, più del doppio delle cifre ufficiali”. Onu: “Rischio carestia di proporzioni bibliche”. Spagna, ok del Parlamento al lockdown fino al 9 maggio

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la famiglia di Stephen Hawking dona il suo ventilatore polmonare all’ospedale di Cambridge

next