“Il decreto legge del 17 marzo prevede la detenzione domiciliare nell’ipotesi di una pena detentiva non superiore a 18 mesi. E l’eventualità è esclusa per i delinquenti abituali, seriali, per i detenuti sottoposti a un regime di sorveglianza particolare, anche per i detenuti al 41 bis“. Lo ha detto la ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, rispondendo al question time al Senato. “In ogni caso – ha aggiunto – va segnalato che la disciplina rimette al magistrato di sorveglianza la valutazione circa l’esclusione dell’applicazione della detenzione domiciliare, in tutte le situazioni in cui ci siano gravi motivi”. La ministra è intervenuta in Aula dopo la richiesta di chiarimento arrivata da alcuni deputati, in merito alla circolare del Dipartimento amministrazione penitenziaria del 21 marzo. Una nota che invitava i direttori delle carceri a stilare un elenco dei detenuti con più di 70 anni che presentano alcune patologie e fornirlo “con solerzia all’autorità giudiziaria, per eventuali determinazioni di competenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattamento inumano in carcere, sconto di pena di 322 giorni per condannato per mafia

next
Articolo Successivo

Ustica, i ministeri della Difesa e dei Trasporti condannati a risarcire 330 milioni all’Itavia per non aver garantito la sicurezza dei cieli

next