Un piano in cinque punti. Una “strategia sanitaria”, come l’ha chiamata il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante l’informativa al Senato, per arginare un’ulteriore diffusione e avviarsi alla fase due. Il primo punto, ha detto il premier, “è mantenere e far rispettare distanziamento sociale, promuovere utilizzo diffuso di dispositivi di protezione individuale fino a quando non disponibili terapia e vaccino“. Al secondo punto “rafforzare le reti sanitarie del territorio”, come arma per sconfiggere il virus. E ancora, l’aumento in tutto il territorio di “strutture dedicate al Covid-19 che riduce il rischio per gli operatori sanitari e per i pazienti ricoverati per altre malattie”. Fondamentale sarà poi l’utilizzo corretto dei test, sia molecolari che sierologici, e l’utilizzo, “solo su base volontaria” della nuova app di tracciamento dei contatti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte al Senato: “App per mappare contatti essenziale ma sarà su base volontaria. Chi non la scarica non subirà limitazioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Lamorgese: “Sanatoria? Ne stiamo parlando, ma non riguarda 600mila migranti. Bisogna fare emergere lavoro nero nella raccolta”

next