Allontanato da casa con l’accusa di violenza e maltrattamenti nei confronti della moglie davanti alla figlia: per un 51enne trentino è scattato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla compagna e dalla bambina ed è stato costretto a lasciare l’abitazione. E’ stata così applicata per la prima volta la direttiva emessa a fine marzo dal procuratore di Trento Sandro Raimondi, che, vista l’emergenza sanitaria in corso e al fine di tutelare le vittime, stabilisce che non debba essere la donna maltrattata a lasciare l’abitazione, bensì l’uomo autore delle violenze.

Su richiesta della pm Patrizia Foiera, il gip Enrico Borrelli ha disposto che fosse il marito della vittima ad andare via di casa. L’uomo è stato ospitato per una notte in un bed&breakfast e ha poi trovato una sistemazione da alcuni parenti.

La direttiva del procuratore di Trento risale a fine marzo scorso ed è molto innovativa nel campo della lotta alla violenza di genere. “Da tempo”, aveva scritto allora la Cgil in una nota, “sindacati e associazioni pongono il tema dell’ingiustizia che si aggiunge alla violenza nel costringere le donne e i bambini a dover fuggire dalla propria abitazione, come fossero i colpevoli“. In un momento di lockdown nazionale, le violenze domestiche sono in aumento, ma rischia di essere ancora più difficile per le donne denunciare se si teme di essere costrette a dover lasciare la propria abitazione. Secondo la rete dei centri antiviolenza D.i.Re sono oltre 1200 in più le richieste d’aiuto arrivate nell’ultimo mese rispetto alla rilevazione del 2019. “Dobbiamo rimuovere tutti i fattori di rischio e gli ostacoli che impediscono alle donne di denunciare la violenza subita”, aveva commentato sempre la Cgil.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, discriminazioni e omissioni nelle direttive che hanno inguaiato le Rsa lombarde. Il caso della Sant’Erasmo di Legnano

next
Articolo Successivo

Coronavirus, appello alle istituzioni per i senza dimora: ‘Basta multe a chi non sa dove stare. Prolungare piano freddo e presidi medici ad hoc’

next