Due giorni, oltre 26mila sanzioni. Sono questi gli esiti dei controlli effettuati tra sabato e domenica dalle forze dell’ordine su tutto il territorio italiano. Dai dati forniti dal Viminale emergono due fattori: l’aumento del numero di persone controllate durante il week end di Pasqua e il record di multe in un solo giorno, ieri, quando sono stati sanzionati quasi 14mila italiani, 2mila in più rispetto a sabato. Stando a questi numeri, quindi, le foto circolate sui social (code chilometriche sulle strade che portano al mare) hanno raccontato la stessa realtà rilevata dal ministro dell’Interno, con le cifre a confermare che gli italiani, almeno in queste festività, escono di casa molto più del consentito.

Nei primi due giorni di Pasqua, nella fattispecie, sono state controllate 582.425 persone e 183.696 attività su tutte le arterie stradali e ferroviarie per scongiurare gli spostamenti delle persone e mantenere il rispetto delle misure di contenimento contro la diffusione del Covid-19. In particolare, solo nella giornata di Pasqua, da segnalare oltre 270mila controlli: per la precisione 213.565 persone e 60.435 attività, con 13.756 sanzioni per i cittadini e 121 per i negozianti. Per 100 è scattata invece la denuncia per false dichiarazioni e per 19 positivi al virus quella per violazione della quarantena. Infine sono stati 16 i negozi chiusi e 31 quelli per i quali è stata disposta la sospensione provvisoria dell’attività. Sabato, invece, sono state sottoposte a controllo 280.717 persone e le sanzioni sono state 12.514. Venerdì erano state 10.442, un numero simile a quello di giovedì quando i ‘furbetti’ erano stati 10.105. Un aumento in 24 ore del 19,8% nonostante le persone controllate siano state quasi 102mila in meno. Una crescita ancora più decisa, inoltre, se si considerano le denunce dello scorso fine settimana: tra il 4 e il 5 aprile infatti sono oltre 20mila le persone sanzionate, 11.022 domenica e 9.284 sabato.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, le telefonate dal barcone alla deriva: “Stiamo affondando. Aiutateci, non abbiamo cibo né acqua. Le persone stanno morendo”

next