L’ex procuratore generale della corte di Cassazione Riccardo Fuzio ora rischia un processo per rivelazione di segreto d’ufficio. La procura di Perugia ha infatti chiuso l’indagine in cui è accusato di aver rivelato al pm Luca Palamara, ex presidente dell’Anm ed ex componente del Csm, dettagli sull’inchiesta che lo vedevano (e lo vedono tuttora) accusato di corruzione. Parliamo dell’inchiesta che a maggio dello scorso anno ha terremotato il Csm (si sono dimessi ben 5 consiglieri) perché ha scoperchiato le trattative sulle nomine ai vertici delle procure.

Quella di Roma in particolare, dopo l’addio dell’ex procuratore capo Giuseppe Pignatone. Secondo le accuse, durante “una conversazione fra i due” Fuzio ha infatti rivelato a Palamara “alcuni dei fatti oggetto dell’indagine per corruzione” condotta dalla procura perugina. In particolare, Fuzio avrebbe fatto “riferimento al pagamento di viaggi o di altre utilità” delle quali Palamara “avrebbe fruito ad opera di terzi”. Più precisamente, si legge nel documento, “a uno a Dubai e a tale Adele, sempre collegata a Palamara, che avrebbe a sua volta beneficiato degli stessi”. Elementi che la procura di Perugia, nel marzo scorso, aveva trasmesso alla procura generale della Cassazione, della quale Fuzio era presidente, per valutarne gli aspetti disciplinari. Documenti coperti dal segreto istruttorio.

La difesa di Palamara, che in questa inchiesta è accusato di aver istigato Fuzio alla rivelazione, dopo essersi avvalsa della facoltà di non rispondere, si era resa disponibile a un interrogatorio ma a una condizione: che gli audio degli incontri tra Fuzio e Palamara, in particolare quello del 21 maggio scorso, intercettati attraverso un dispositivo trojan, inoculato nel telefono del pm, fossero ripuliti dai fruscii che, secondo gli avvocati Benedetto Buratti e Roberto Rampioni, potrebbero contenere affermazioni utili per il loro assistito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, dall’India al Qatar fino alla Cina: il volo fantasma verso Milano delle mascherine vendute allo Stato dall’imprenditore arrestato

next