Quest’anno è la prima volta in 26 anni che l’Ail – Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma – non può scendere nelle piazze per vendere le proprie uova di Pasqua per finanziare i suoi progetti, ma è comunque possibile sostenere la sua campagna di raccolta fondi intitolata Io sono a rischio. “In questo momento di emergenza abbiamo messo in campo iniziative straordinarie per continuare a sostenere le nostre attività nel campo della ricerca scientifica e dei servizi ai pazienti” dice a Ilfattoquotidiano.it il presidente Ail Sergio Amadori. E lancia un appello: “Chiediamo di sostenerci contattando le Sezioni dell’Associazione sul territorio nazionale e con una donazione attraverso il nostro sito”. “L’Associazione italiana contro leucemie, linfomi e il mieloma, da sempre e oggi più che mai – aggiunge l’ematologo – mette al primo posto il paziente con diagnosi di tumore del sangue che risulta particolarmente fragile in quanto il suo sistema immunitario è gravemente depresso e quindi è più a rischio”.

Nonostante la pandemia di Covid-19, le cure farmacologiche, le terapie in ospedale e le assistenze domiciliari contro queste gravi malattie devono essere garantite ai pazienti. È una battaglia contro il tempo e per la vita. In particolare l’associazione, costretta a rinunciare al tradizionale appuntamento del periodo pasquale, vuole comunque continuare il suo impegno lanciando un nuovo progetto solidale a distanza che porterà benefici reali a centinaia di malati. “Aiutaci a garantire ricerca e assistenza ai pazienti immunodepressi. Ail sostiene anche i centri ospedalieri impegnati senza sosta per fronteggiare il coronavirus“, spiega l’associazione.

L‘Ail, con alle spalle 50 anni di lavoro e 81 sezioni provinciali presenti in tutta Italia, non vuole fermarsi e rilancia la sua raccolta fondi. “Aiutaci a combattere l’emergenza, visita il nostro portale web e segui l’hashtag #iosonoarischio. Così è possibile fare donazioni online in modo semplice e diretto“, precisa l’Ail. “Negli ultimi anni, i progressi straordinari della ricerca scientifica e terapie sempre più efficaci, tra cui il trapianto di cellule staminali, hanno reso leucemie, linfomi e mieloma sempre più curabili – dice Amadori -. Ma questo risultato non è sufficiente: il nostro obiettivo è curare al meglio tutti i pazienti aumentando non solo la durata, ma anche la qualità della vita e la percentuale di guarigioni”.

I fondi raccolti con la campagna Io sono a rischio verranno utilizzati anche per il servizio di assistenza domiciliare per adulti e bambini fornito dall’associazione con 42 progetti di cure a casa su tutto il territorio nazionale. Inoltre, con le risorse delle donazioni, sarà possibile sostenere le 71 case alloggio Ail, strutture ad hoc presenti vicino agli ospedali che accolgono i 1.549 pazienti che si spostano dalle loro città ai luoghi di cura. Sostenendo la campagna è anche possibile supportare il funzionamento dei Centri di Ematologia e di Trapianto di cellule staminali e finanziare servizi socio-assistenziali che ogni anno supporta oltre duemila famiglie.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nelle residenze per anziani di Firenze arrivano esercito e Protezione civile

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “autorizzare l’aborto farmacologico a casa per tutelare la salute delle donne”. La petizione di Pro-choice

next