Il campionato di basket non riprenderà. La Federazione italiana pallacanestro ha dichiarato conclusa la Serie A a causa dell’emergenza coronavirus, dopo aver già fermato la A2, i massimi campionati femminili e i campionati semi-professionisti e regionali.

“Il presidente della federazione italiana pallacanestro Giovanni Petrucci, considerata la determinazione della Lega Basket di demandare ogni e qualsivoglia decisione in merito alla chiusura anticipata della stagione 2019/2020 e sentito per le vie brevi il Consiglio Federale, dichiara concluso il campionato di Serie A”, si legge nel comunicato diffuso dalla Fip.

Poco prima Petrucci e il presidente della Lega Basket, Umberto Gandini, avevano incontrato in video conferenza il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, per “rappresentare compiutamente le esigenze dell’intero movimento e dei club che lo costituiscono” per “suggerire e richiedere alcuni potenziali interventi a sostegno dell’attività sportiva”.

Tra l’altro molte società, ricorda la Fip, hanno già “autorizzato la partenza verso il loro Paese di origine di molti atleti” stranieri. “Dichiarare conclusa l’attuale stagione sportiva permette ai club ed ai tesserati di adottare tutti quei comportamenti necessari ad evitare ulteriori costi da sostenere in assenza di attività”, prosegue la nota della Federazione che spiega come la decisione sia stata presa anche “in considerazione dell’impossibilità di disputare” le partite “alla presenza di migliaia di appassionati, patrimonio fondante del movimento cestistico italiano”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kitikaka – Giorgia Rossi, l’isolamento tra cucina, selfie e Netflix: “Finire il campionato? Prima la sicurezza. E comunque mai i play off”

next