Nicoletta Dosio esce dal carcere e sconterà la sua pena ai domiciliari. Ad annunciare il ritorno a casa della 73enne, tra gli elementi di spicco dei No Tav, è stato proprio il movimento attraverso i propri canali social: “Nicoletta è uscita poco fa dal carcere delle Vallette – si legge in un post su Facebook – per andare a scontare l’ingiusta pena ai domiciliari per le misure introdotte con l’emergenza coronavirus. Le sono stati concessi i domiciliari con il massimo delle restrizioni possibili, compreso l’ingiusto divieto di comunicare“.

Secondo le prime informazioni circolate, a richiedere di scontare la pena a casa è stata la stessa Dosio che, fino ad oggi, si era sempre rifiutata di ricorrere ai domiciliari. A convincerla sono stati gli amici e i militanti del movimento No Tav, che più volte le hanno chiesto di presentare domanda.

Così, il 20 marzo, la pasionaria del movimento, visto anche l’evolversi della pandemia, si è convinta, visto che soffre di alcune patologie che potrebbero mettere a rischio la sua vita in caso di contagio. L’attivista sconterà così ciò che resta dell’anno di reclusione che le è stato inflitto per reati commessi durante una protesta, nel 2012, al casello di Avigliana, sull’autostrada del Frejus, nella sua casa di Bussoleno, in Val di Susa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, finalmente anche la giustizia scopre lo smart working e diventa digitale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, De Raho: “Mentre contrastiamo traffici di mascherine, mafie muovono container di cocaina nei porti europei. C’è allentamento”

next